Vai al contenuto principale

C'era una volta a Perugia

Sharper Night - Notte europea dei ricercatori 2019

L’evento “C’era una volta a Perugia”, organizzato da ricercatori e docenti di Storia Moderna del Dipartimento di Lettere- Lingue, Letterature e civiltà antiche e moderne dell’Università degli Studi di Perugia in occasione di Sharper Night- Notte europea dei Ricercatori, il 27 settembre 2019, si è aperto con una “passeggiata interattiva” fra il pubblico e i ricercatori, alla scoperta degli scenari delle storie di Perugia fra Cinquecento e Settecento e si è concluso con un laboratorio creativo dedicato ai bambini sotto i dodici anni. La passeggiata interattiva iniziata dal Palazzo dei Priori si è aperta con un gruppo nutrito di adulti e bambini, muniti di binocoli, carta, matita e uno speciale kit per i più piccoli corredato di mappe storiche per orientarsi e individuare i siti storici meno visibili. I ricercatori hanno raccontato attraverso le cronache e i manoscritti del tempo, alcune storie inedite del popolo perugino e di cenacoli femminili del XVII secolo, in bilico fra le famiglie dell’oligarchia locale e i controlli dell’Inquisizione. La passeggiata è proseguita lungo l’antica Via Sagra, oggi Via dei Priori, con una sosta nella Chiesa Nuova dell’Immacolata Concezione o di San Filippo Neri, al cui interno il pubblico ha potuto ammirare i cicli di affreschi e decorazioni barocche ed ascoltare le vicende che videro protagonisti i Padri Oratoriani nel Seicento. Si è proseguito soffermandosi presso l’Arco Mandolini e Palazzo degli Oddi, oggi Marini- Clarelli. La passeggiata si è conclusa con una visita alla mostra documentaria “Lucia della Torre e le altre: vite di donne a Perugia in età moderna” allestita presso il Conservatorio della Torre degli Sciri, dove i bambini hanno potuto visionare e ricostruire le storie ascoltate attraverso le riproduzioni dei documenti e le opere d’arte in mostra.

Terminato il percorso, i bambini, divisi in gruppi per fascia di età, hanno preso posto negli spazi della Chiesa di Santo Stefano, dove si sono cimentati nel laboratorio creativo che ha avuto come esito la realizzazione di quattro pannelli espositivi: tramite immagini, mappe, appunti, disegni prestampati e modelli del vestiario del tempo, coi materiali più disparati, dalla pittura al bricolage, i piccoli hanno potuto liberamente interpretare la storia del quartiere storico percorso, ricreando le storie ascoltate e disegnando i personaggi del passato conosciuti durante la visita. Al termine del laboratorio, ogni partecipante ha ricevuto il diploma del piccolo ricercatore, mentre le opere realizzate sono andate ad allestire una piccola esposizione presso gli spazi della Torre degli Sciri, a ricordo dell’evento.

sharper c era una volta perugia

Vai a inizio pagina
Sommario